LITURGY

Ls008 – Temi teologici e fonti del linguaggio nell’uf ciatura bizantina delle Feste

M.G. Muzj

Informazioni sul corso

Professore: M.G. Muzj, muzj@unigre.it
Programma: 1st sem.

Contenuto

Il seminario è incentrato su uno studio com- parativo delle Uf ciature bizantine, per metterne in evidenza alcuni aspetti costitutivi riguardanti sia il contenuto che la for- ma espressiva (considerata ovviamente nella lingua originale). In ogni Festa il Mistero viene contemplato nella sua interezza (creazione, ri-creazione/redenzione); il tema onnipresente è quello della epifania en sarki. Tra le fonti del linguaggio sono identi cabili: i testimonia scritturistici, il genere apocalittico giudaico, il lessico stoico, il lessico delle religioni dei misteri.

Scopo

Veri care che il più antico strato espressivo delle Uf- ciature è presente e identi cabile nella forma attuale dell’An- thologion.

Bibliografia

Anthologion, Roma 1999; ch.a. bernard, “Tutte le cose in lui sono vita”, Roma 2010;

S.P. brocK, L’oc- chio luminoso, Roma 1999; id., La spiritualità nella tradizione siriaca, Roma 2006;

R. cantalamessa, L’omelia “in S. Pascha” dello Pseudo Ippolito di Roma, Milano 1967;

J. daniélou, La teologia del giudeo-cristianesimo, Bologna 1974;

T. federici, “Resuscitò Cristo!”, Palermo 1996;

C. giraudo, “Inunum corpus”, Cinisello Balsamo 20072;

R. murray, Symbols of Church and Kingdom, Cambridge 1975.