ANNO PROPEDEUTICO

P015 – Introduzione alle liturgie orientali

R. IACOPINO

Informazioni sul corso

Professore: Rinaldo Iacopino, SM, rinaldo.iacopino@gmail.com

Programma:  Mer. I-II, 2° sem., 2 cr., 3 ECTS

Contenuto

Dopo una panoramica sulla formazione della liturgia cristiana, esamineremo i riti orientali odierni, le loro origini, divisioni e denominazioni. Ci soffermeremo sulle caratteristiche del culto liturgico in Oriente: il luogo della celebrazione, gli accessori, i vasi sacri, le vesti liturgiche, le lingue e i libri liturgici. Approfondiremo le caratteristiche delle celebrazioni principali: liturgia eucaristica, riti d’iniziazione, liturgia delle Ore. Osserveremo il rito come espressione della cultura cristiana particolare di una Chiesa e dello “spirito liturgico” che la anima. Esamineremo un problema che ha interessato, sebbene in misura diversa, tutte le Chiese orientali in comunione con Roma, ossia il problema della “latinizzazione”.

Scopo

Comprendere come le tradizioni e i riti liturgici si formano e si sviluppano, e conoscere – attraverso la lettura e il commento mistagogico di alcuni testi liturgici – le ricchezze teologico-dogmatiche di cui ogni liturgia orientale è portatrice.

Bibliografia

Dispense del Docente; R. Iacopino, Il Typikòn della Cattedrale di Bova. Codex Barberinianus gr. 359 (A.D. 1552), Roma 2014;

 

Id., Il Menològio italo-bizantino di Bova. Codex Barberinianus gr. 371(ff. 53r-163v), Roma 2015.